IPVM: Panasonic North America elimina i prodotti OEM di Dahua

A seguito della legge US che proibisce agli enti governativi americani di utilizzare i prodotti di alcune case cinesi, fra le quali Dahua e Hikvision (leggi), secondo IPVM (leggi) Panasonic North America avrebbe interrotto i rapporti di fornitura di telecamere OEM con Dahua.

Commenta IPVM: "La ragione di questa mossa è abbastanza ovvia. Panasonic, che una volta era leader in tutti i segmenti, dalle telecamere IP consumer a quelle professionali, non è riuscita reggere alle politiche di prezzi bassi e sconti elevati che Dahua e Hikvision hanno utilizzato nella loro espansione oltreoceano. Panasonic ha di fatto rinunciato alla fascia bassa, limitandosi a rimarchiare i prodotti Dahua.
A differenza di aziende anonime o assemblatori generici, Panasonic ha una meritata reputazione per l'alta qualità delle immagini e lo sviluppo interno dei prodotti. Date le loro dimensioni, sacrificare tutto questo solo per guadagnare qualche spicciolo, è stata una vera follia. Il blocco del governo USA ha semplicemente fornito il pretesto per correggere, in primo luogo, una mossa sbagliata."

Il tema della sicurezza IT dei dispositivi rimarchiati. in particolare i componenti dei sistemi di videosorveglianza, è in realtà da tempo al centro dell'attenzione degli esperti. Il divieto del governo US del 13 agosto scorso è stato solo il più recente segnale di attenzione su questo argomento.

Dopo l'entrata in vigore del GDPR 679/2016, con l'individuazione delle responsabilità in capo al titolare del trattamento dei dati personali circa l'adeguatezza dei sistemi impiegati per la loro sicurezza, I tempi e le modalità di aggiornamento software e firmware dei prodotti OEM allarmano infatti distributori, integratori e utenti finali. Autorevoli operatori come Martin Gren (leggi) sostengono che il mercato OEM per la videosorveglianza sia in fase di declino per motivi di sicurezza IT.

 

#IPVM #Dahua #Hikvision #Panasonic #GDPR 679/2016 #Martin Gren #OEM