TAR Veneto, partnership legittima tra AGSM Energia e CSA Security per SINECURA

Si è chiusa la vicenda legata al ricorso promosso da La Ronda Servizi di Vigilanza SpA contro Agsm Verona SpA, Agsm Energia SpA e CSA Security Srl per l’annullamento del contratto di partnership commerciale concluso tra Agsm Energia SpA e CSA Security Srl per l'erogazione del servizio di sicurezza SINECURA.

Il TAR Veneto ha infatti rigettato il medesimo ricorso, dichiarando il difetto di giurisdizione dell’adita Autorità Giudiziaria Amministrativa. La sentenza detta: "l’accordo di “partnership commerciale” e “co-branding” stipulato da AGSM Energia e CSA, alla luce del suo oggetto, fuoriesca del tutto dall’alveo applicativo del Codice dei contratti pubblici e che, pertanto, l’individuazione del relativo contraente privato non fosse assoggettata alla disciplina dell’evidenza pubblica."

Il Giudice Amministrativo ha quindi escluso che la conclusione del contratto di partnership commerciale tra Agsm Energia Spa e CSA Security Srl dovesse essere preceduta da una gara pubblica, rigettando le censure mosse dalla società ricorrente. Il contratto tra le due aziende è relativo alla fornitura da parte di CSA Security, quale istituto di vigilanza privata debitamente autorizzato, ai clienti di Agsm Energia del servizio di sicurezza “Sinecura” (impianto di allarme costantemente collegato a centrale operativa con possibile intervento di autopattuglia) a condizioni di favore (“e cioè lo sconto fisso di € 10,00 sul canone di abbonamento mensile, da applicare per tutta la durata minima della fornitura del predetto servizio”).

Ha quindi trovato piena conferma anche in sede giudiziale la legittimità e la correttezza dell’operato di Agsm Energia SpA e CSA Security Srl, così come dalle stesse parti sempre ribadito a confutazione dei rilievi sollevati dalla società ricorrente.

"Per noi trasparenza e legalità sono valori assoluti", commenta il presidente del Gruppo Agsm Michele Croce, "la sentenza del Tar ne dà atto e Agsm continuerà sul cammino dello sviluppo più forte di prima."

"Non posso che concordare con il Presidente Croce, trasparenza e legalità sono valori che da sempre contraddistinguono la nostra Azienda", sottolinea il presidente di CSA Security, Luigi Alfieri, che aggiunge: "non avrei potuto immaginare un esito diverso per questa vicenda".

 

Leggi sentenza del TAR Veneto cliccando qui sotto:

Download pdf
#TAR Veneto #Agsm #Michele Croce #CSA Security #Luigi Alfieri #SINECURA #La Ronda Servizi di Vigilanza