Garante privacy: no spam ai possessori di carte fedeltà

L'Autorità Garante per la Protezione dei dati personali ha imposto ad una catena commerciale misure a tutela dei consumatori "che non abbiano espresso uno specifico e libero consenso all'uso dei propri dati a fini di marketing". Il provvedimento a seguito di segnalazioni di clienti confermate da un'ispezione del Garante con l'ausilio del Nucleo speciale privacy della GdF.

549 visualizzazioni

errore