vigilanza & dintorni

Control Rooms, sempre di meno ma più grandi


Milano – Il trend di concentrazione delle centrali operative in atto in Italia, soprattutto nel settore della vigilanza privata, viene autorevolmente confermato a livello internazionale dal rapporto pubblicato il 5 aprile  da IMS Research (gruppo IHS). Secondo il rapporto,  l’aggregazione delle piccole centrali locali in centrali regionali più grandi è in corso in tutta l’area EMEA e nord America, e sta facendo crescere il fatturato delle tecnologie specifiche che, nel 2012, ha raggiunto   il corrispettivo di 2,4 miliardi di euro, con una stima di crescita superiore al 20%  entro il 2015.

 
Il rapporto, chiamato "Command and Control Rooms - EMEA e Nord America - 2013"  ha misurato il fatturato in entrambe le regioni per alcune tecnologie chiave come la Computer Aided Dispatch (CAD), i sistemi di informazione geografica (GIS), e i software applicativi per la gestione del traffico  fonia  in entrata e in uscita.

"I sistemi di gestione delle centrali operative per la sicurezza  stanno attraversando un periodo di importanti cambiamenti", ha detto Jennifer Shortland, analista di mercato per IMS/IHS  del settore telefonia mobile  e radio:  "Nei Paesi in via di sviluppo, stanno infatti aumentando gli investimenti per  l'installazione di nuove sale di controllo e di emergenza, ma l’aspetto più interessante deriva dal processo di ristrutturazione in corso  nei Paesi  con  centrali già anziane, a causa dei tagli dei finanziamenti pubblici e della necessità  di risparmiare  nei costi di gestione, in particolare nel settore privato. Di conseguenza, negli Stati Uniti e in tutta l’Europa occidentale è in corso un processo di aggregazione, nel quale le sale di controllo più piccole vengono concentrate in sale di controllo regionali molto più grandi ".
Il passaggio di livello della competenza territoriale delle centrali operative sta stimolando anche la  crescita del fatturato delle tecnologie di controllo remoto. Shortland ha  osservato che nelle sale di controllo più grandi, la molteplicità di interlocutori che utilizzano tecnologie fra di loro diverse, impone l'installazione di piattaforme universali CAD in grado di soddisfare le esigenze di una vasta gamma di utenti. Queste piattaforme sempre più sofisticate e le  attrezzature correlate stanno spingendo al rialzo il valore di questi progetti “.

Dunque, un trend di evoluzione tecnologica di livello internazionale - in questo caso di concentrazione delle centrali operative -  per una volta trova una risposta puntuale anche in Italia almeno per quanto riguarda la vigilanza privata: gli effetti dell’entrata in vigore del DM 269,  stanno infatti modificando l’assetto del settore,  attraverso un percorso di razionalizzazione delle infrastrutture operative. La rete di centrali operative, che negli anni passati era arrivata a sfondare quota 1000, è in via di riduzione a meno di ¼,  stimolando investimenti in tecnologie e ottimizzazione del risorse umane impiegate.

Riproduzione riservata

 
 

Iscriviti alla newsletter

Securindex ti informa!

0
1
1
2
2
3
3
4
4
5
5
6
6
1
6
2
6
3
6
4
6
5
6
6
6
7
7
8
8
9
9
10
10
11